Stuprata, incinta e torturata: le donne come bottino di guerra nella dittatura di Pinochet*

46 anni dopo il colpo di stato contro Allende il libro “Così si torturò in Cile (1973-1990)” include i passaggi più difficili del rapporto ufficiale che ha portato alla luce le atrocità del regime militare

Quasi tutte le donne che furono torturate in Cile dopo il   colpo di stato dell’11 settembre 1973  – 46 anni fa – subirono violenze sessuali, a prescindere dall’età. Almeno 316 furono violentate di cui 11 in gravidanza. Sul  numero totale di vittime che hanno testimoniato davanti alla  Commissione nazionale di prigione politica e tortura  tra il 2003 e il 2004, il 12,5% erano donne (3.399). Tra loro, 229 aspettavano un figlio ed alcune lo persero; altre partorirono dopo essere state violentate dai loro torturatori e molte subirono torture sessuali sofisticate e ricorrenti che includevano aggressioni fisiche e molestie in cui erano coinvolti genitori e fratelli.

“Secondo le testimonianze, le violazioni etero ed omosessuali furono commesse sia individualmente che collettivamente. Queste violazioni si sono verificate davanti a genitori e genitori, come strumento per costringerle a parlare ” osserva il rapporto della Commissione stilato 15 anni fa ed oggetto del libro” Così si torturo ‘in Cile (1973- 1990) “, in cui il  giornalista Daniel Hopenhayn , ha selezionato i passaggi principali ed è descritto nello sfondo storico della tortura praticata in Cile nella dittatura durata 17 anni di  Augusto Pinochet. “La violenza sessuale contro le donne era furiosa, sconvolgente”, afferma Hopenhayn. Ci sono scene semplicemente inspiegabili, afferma il giornalista che ritiene il Rapporto Valech – come era noto al vescovo Sergio Valech, che ha presieduto la commissione – ”  un documento storico straordinario anche scritto molto ben e […] e comunque  la sua completezza – ha più di 500 pagine – ha limitato il suo universo di lettori, relegandolo a uno status di  mammifero istituzionale. . L’editore spiega che, a 15 anni dalla sua pubblicazione originale, ha ritenuto questo ” un buon momento per diffondere in un formato più accessibile i passaggi che contano di più per proteggere q uelle storie non solo dall’oblio, ma anche dall’inerzia di un ricordo ufficiale “.

Una donna che fu arrestata nel 1974 nella capitale cilena e rimase in prigione per due anni senza alcun processo, disse: ” Per lo stupro subito dai torturatori sono rimasta incinta e ho abortito in prigione […] Ho avuto scosse elettriche, mi hanno appesa per le mani e per i piedi; ho subito finte esecuzioni, ustioni con le sigarette. in tutto il corpo “ ha spiegato la vittima delle torture. Il racconto della donna alla Commissione riprodotto in “Così hanno torturato in Cile” è straziante: “Mi hanno costretta a fare sesso con mio padre e mio fratello che erano stati arrestati e ho visto ed ascoltato le torture su mio fratello e su mio padre.Mi hanno messo su una grande griglia e ho procurato un taglio con lo yatagán [una grande arma bianca] sullo stomaco. Avevo 25 anni. “”

Una donna vestita al lutto partecipa a un tour di protesta di ex centri di tortura nella dittatura di Augusto Pinochet. 

I membri delle forze armate e gli agenti segreti della dittatura di Pinochet agirono senza un briciolo di umanità. Uno studente di 14 anni, arrestato nel 1973 nella regione del Maule, nel sud, fu costretto da tre soldati a praticare il sesso orale. Non so chi fossero o come fossero perché erano incappucciati. Tutto ciò che è così è la mia vita non sarà mai più la stessa di prima ”, afferma in una testimonianza raccolta in  “Così si torturo’ in Cile”.   Una ragazza di 16 anni ha presumibilmente un inferno in un recinto della  Direzione dei servizi segreti nazionali (DINA), Operativa tra il 1974 e il 1977: “Sono stata violentata, mi hanno ridotta alla loro mercé, mi hanno bruciata con le sigarette, mi hanno fatto seviziata; mi hanno messo dei topi dentro (…); Mi hanno tenuto ad una barella dove alcuni cani addestrati mi hanno violentata “. Sempre in un recinto della DINA di Santiago, una ragazza di 17 anni è stata ripetutamente violentata e ha subito ustioni nel suo grembo : “” Ho vissuto torture e sessioni di masturbazione da parte dei responsabili del recinto “.

Copertina di "così è stato torturato in Cile"
Copertina di “così è stato torturato in Cile”

Stuprata e incinta

La Commissione ha raccolto testimonianze di 20 donne che, a causa della tortura, hanno interrotto la gravidanza. “Dopo 30 anni, sto ancora piangendo”, ha detto una donna che era incinta di tre mesi quando costrinsero un leader sindacale a violentarla e dopo evrle messo la corrente elettrica nel seno, nella gola, nella pancia e nelle gambe. Successe tutto  nell’area di Puerto Montt, a circa 1.000 chilometri a sud di Santiago. Anche i figli e le figlie delle donne incinte torturate hanno avuto conseguenze indelebili: “La mia infanzia è stata una vita piena di tristezza, trauma e depressione a causa del danno emotivo dei miei genitori, che ha causato la rottura del loro matrimonio”, ha detto una donna che era nel grembo materno di sua madre, incinta di cinque mesi, quando fu arrestata e torturata nel 1975 nella capitale del paese.

C’erano 15 detenuti che avevano i loro bambini in prigione. Nel rapporto Valech,  molte donne violentate affermano di essere rimaste incinte. Molte di loro hanno abortirono spontaneamente o a causa di aborto provocato. Altre ebbero quei bambini. Una donna cilena di 29 anni – la figlia di un detenuto di 15 anni che venne violentata dal suo torturatore – ha dichiarato: “Rappresento il test grafico, rappresento il dolore più grande, il più forte che mia madre abbia mai vissuto in vita sua […].Dopo che me l’hanno detto, ho iniziato a bere, ho preso a bere l’intero fine settimana, nascosta. Ecco perché sento di avere molte lacune nella mia adolescenza […]Sento che noi, i bambini nati proprio come me, eravamo prigionieri e torturati come quelli che erano stati imprigionati”.

Vi furono alcuni luoghi di tortura focalizzati in particolare sulla violenza sessuale. Come Sexy Band o La Discotéque, un centro della DINA che ha lavorato nella capitale. “ Mandavano musica ambientale permanente ad alto volume […] La tortura sessuale è stata praticata in quest’area con particolare enfasi. Gli abusi e gli stupri sessuali su uomini e donne erano frequenti, per i quali usavano anche dei cani addestrati ”Le vittime della violenza sessuale – soprattutto donne, ma anche uomini – hanno dovuto affrontare indelebili conseguenze emotive e fisiche.

Per Hopenhayn, “quando affronti queste storie, ti rendi conto che una società non può sapere che ha torturato se non sa come ha torturato”. “ Non si tratta di una società che ci pensa due volte prima di torturare di nuovo, perché poi finirà per farlo. Si tratta di ritenere un abominio la sola idea di pensarci ” dice il giornalista cileno.

RAPPORTO VALECH: “UNICO NEL SUO GENERE”

Il libro a cura di Daniel Hopenhayn si concentra sui metodi che la dittatura ha usato per torturare, con quali obiettivi specifici, come sono state scelte le vittime e con quale politica istituzionale.  La scelta dei metodi di tortura non fu casuale.

Molti di questi metodi di tortura possono essere fatti risalire all’antica Grecia, ma quelli che furono applicati in Cile erano quelli del manuale di guerra antiterrorismo che l’esercito francese concepì negli anni ’50 – dopo essere stato sconfitto dal Viet Minh nel Guerra dell’Indocina – e che è stata presentata per la prima volta nella battaglia di Algeri (1957) ”, afferma il giornalista cileno. “Da lì emerse quella che in America Latina era chiamata la dottrina della sicurezza nazionale, che le forze armate francesi che avevano agito ad Algeri insegnarono negli anni sessanta nelle accademie militari statunitensi e che quest’ultima trasferì agli eserciti latinoamericani con l’obiettivo di prevenire l’insurrezione comunista nella regione “, afferma Hopenhayn.

Per l’editore di “Così torturarono in Cile”, il rapporto della Commissione nazionale sulla prigione politica e la tortura, formata nel governo del socialista Ricardo Lagos (2000-2006), è “unico nel suo genere”: “Durante il ventesimo secolo ci furono dozzine di paesi i cui stati hanno reso la tortura una politica pubblica, ma credo che nessuno abbia compiuto uno sforzo di tale portata per ricostruire i fatti “. Quindi, secondo il giornalista, il risultato non è solo cruciale per la memoria storica del Cile, ma è di primo interesse per chiunque sia interessato a comprendere il dispiegamento istituzionale, territoriale e sociale di una politica sistematica di tortura.

 

* di ROCÍO MONTES   Santiago del Cile pubblicato su EL PAIS del 11/09/2019

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...